Sospensione precoce della chemioterapia e mortalità nei pazienti anziani con tumore della vescica metastatico


L'età mediana per la diagnosi di tumore della vescica metastatico è di 73 anni. La fattibilità della chemioterapia nei pazienti anziani è controversa.
Sono state valutate le associazioni che legano l'età alla selezione del regime di chemioterapia di prima linea, la sospensione precoce della chemioterapia e la mortalità a 1 anno nella pratica quotidiana.

Tra il 1999 e il 2011, nella coorte multicentrica AGEVIM sono stati inclusi 197 pazienti di età a partire da 70 anni con tumore alla vescica metastatico da 4 ospedali.

Al basale sono stati determinati performance status ( PS ), caratteristiche tumorali, indice di comorbidità di Charlson, e creatinina, emoglobina e albumina plasmatiche.

I dati di discontinuazione precoce erano disponibili per 193 pazienti e la mortalità totale a 1 anno per 180 pazienti.

Sono state valutate le probabilità della iniziale chemioterapia combinata a base di Cisplatino, sospensione precoce ( 2 cicli o meno ), e mortalità a 1 anno.

Tra i 193 pazienti ( età media 76 anni ) con 2 siti metastatici, in media, il 43.5% ha ricevuto chemioterapia a base di Cisplatino, il 36.3% Gemcitabina e Carboplatino e il 20.2% solo Gemcitabina.

La probabilità della chemioterapia a base di Cisplatino è diminuita con l'età indipendentemente dal sesso, dal performance status, dalla clearance della creatinina e dall'indice di comorbidità di Charlson ( P minore di 0.0001 ); la sospensione precoce si è verificata nel 24.9% dei pazienti.

I fattori indipendentemente associati alla discontinuazione precoce della chemioterapia globale sono stati età ( odds ratio aggiustato per anno aggiuntivo, aOR=1.11, P=0.01 ) e maggiore numero di siti metastatici ( odds ratio aggiustato per anno aggiuntivo, aOR=1.45, P=0.01 ).

Il numero dei pazienti era troppo piccolo per una robusta analisi dei fattori associati alla sospensione precoce della chemioterapia in ciascun sottogruppo del regime chemioterapico.

I predittori indipendenti di mortalità a 1 anno ( mediana, 9.6 mesi ) sono stati sospensione precoce ( hazard ratio aggiustato, aHR=4.77 quando performance status era minore di 2 e 20.6 quando performance status era 2 o più; P minore di 0.0001 ) , albumina inferiore a 35 g/l ( aHR=3.06, P=0.0001 ), clearance della creatinina inferiore a 30 ml/min ( aHR=2.96, P=0.009 ) e maggiore numero di siti metastatici ( aHR=1.34, P minore di 0.0001 ).

In conclusione, meno della metà dei pazienti anziani con carcinoma metastatico della vescica ha ricevuto iniziale chemioterapia a base di Cisplatino e il 25% ha avuto 2 o meno cicli di chemioterapia.
L'età più anziana era associata a una diminuzione della prescrizione della chemioterapia a base di Cisplatino, indipendentemente dalle controindicazioni note, e con la chemioterapia globale, ma non con la mortalità a 1 anno. ( Xagena2017 )

Laurent M et al, Urologic Oncology 2017; 35: 34.e9-34.e16

Xagena_OncoGeriatria_2017



Indietro