Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori testa-collo
Tumore Ovaie

Aumento della mortalità acuta con la chemioradioterapia per il carcinoma del testa-collo localmente avanzato nei pazienti di età uguale o superiore a 70 anni


La chemioradioterapia concomitante ( CRT ) è lo standard di cura per molti siti di carcinomi a cellule squamose di testa e collo localmente avanzato ( LAHNC ).
Tuttavia, in una meta-analisi, l'aggiunta della chemioterapia non ha migliorato la sopravvivenza per i pazienti con più di 70 anni.
Si è ipotizzato che i pazienti anziani trattati con chemioradioterapia concomitante possano avere un aumento della tossicità senza miglioramenti simili in termini di sopravvivenza.

Uno studio retrospettivo compiuto in un singolo Centro nel periodo 2005-2012, ha valutato 369 pazienti trattati con chemioradioterapia concomitante per tumore a cellule squamose di testa e collo localmente avanzato.

I pazienti di età a partire da 70 anni sono stati trattati meno spesso con Cisplatino concomitante, somministrato ogni 3 settimane ( 25.5% vs 71.4%, rispettivamente ) e più spesso con Carboplatino settimanale ( 31.9% vs 3.4% ), rispetto ai pazienti con meno di 70 anni ( n=322; P minore di 0.001 ).

I pazienti di 70 anni e oltre hanno presentato un'aumentata tossicità durante il trattamento con più frequenti ospedalizzazioni ( 36.2% vs 21.1%; P=0.02 ) e un tasso inferiore di rimozione delle sonde per PEG all'ultimo follow-up o morte ( 77.1% vs 92.9%; P=0.004 ).

Una maggiore percentuale di pazienti di età pari o superiore a 70 anni è morta entro 3 mesi ( 12.8% vs 2.8%; P=0.001 ) dopo chemioradioterapia concomitante.

I pazienti di età a partire da 70 anni hanno mostrato un aumento del rischio di morte a 3 mesi dopo chemioradioterapia concomitante ( odds ratio, OR=5.19, P=0.005 ) e peggiore sopravvivenza nel tempo ( hazard ratio, HR=2.30, P=0.002 ).

In conclusione, i pazienti di età a partire da 70 anni sono stati più spesso trattati con la chemioterapia meno tossica, ma hanno ancora presentato alti tassi di ospedalizzazione durante il trattamento e un aumento dei tassi di mortalità acuta dopo chemioradioterapia concomitante.
L'efficacia della chemio-radioterapia per i pazienti anziani dovrebbe essere valutata in un contesto prospettico. ( Xagena )

Strom TJ et al, J Geriatr Oncol 2017; 8: 50-55

Xagena_OncoGeriatria_2017



Indietro