Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
Tumore prostata

Effetto della prostatectomia radicale minimamente invasiva negli uomini più anziani


La prostatectomia radicale minimamente invasiva ( MIRP ) è stata rapidamente adottata negli ultimi dieci anni; tuttavia, poco si sa circa gli esiti nei pazienti più anziani.
Sono stati esaminati i risultati della prostatectomia radicale minimamente invasiva, rispetto alla prostatectomia radicale in aperto ( OPRP ), stratificando per età.

È stato esaminato il database Medicare SEER ( Surveillance, Epidemiology and End Results ) nel periodo 2004-2009 per gli uomini con adenocarcinoma metastatico della prostata.

La coorte ( n=12.092 ) è stata suddivisa in 2 gruppi, prostatectomia radicale minimamente invasiva versus prostatectomia in aperto, e in base all’età dei pazienti, uguale o superiore a 70 anni ( n=6.660 ) rispetto a 66-69 anni ( n=5.432 ).
È stata valutata l'influenza dell’approccio chirurgico e di altre variabili sulle complicanze perioperatorie e postoperatorie in ogni fascia d'età.

L'uso della prostatectomia radicale minimamente invasiva è aumentato in un arco di tempo di 6 anni ( 14.8-73.3%, età inferiore a 70 anni; 15.1-69.8%, età uguale o superiore a 70 anni ).

La prostatectomia radicale in aperto è stata associata a un più alto rischio di trasfusione di sangue e complicanze postoperatorie respiratorie o genito-urinarie.

I pazienti che sono stati sottoposti a prostatectomia radicale minimamente invasiva avevano una maggiore probabilità di avere una diagnosi di disfunzione erettile o incontinenza urinaria rispetto a quelli sottoposti a prostatectomia radicale in aperto ( 56.9% vs 42.2% e 53.9% vs 43.2%, rispettivamente; P minore di 0.0001 ).

I pazienti che sono stati sottoposti a prostatectomia radicale minimamente invasiva avevano meno probabilità di avere una stenosi anastomotica o di richiedere una terapia supplementare per il cancro.

Gli uomini di 70 anni e oltre sottoposti a prostatectomia minimamente invasiva avevano più alti tassi di trasfusione, complicazioni genitourinarie, durata del ricovero, incontinenza, e tassi di stenosi anastomotiche rispetto agli uomini di età compresa tra 66 e 69 anni.

Tuttavia, gli uomini più anziani sottoposti a prostatectomia radicale minimamente invasiva avevano tassi del 10% più bassi di disfunzione erettile, rispetto a quelli di età compresa tra 66 e 69 anni.

In conclusione, la prostatectomia radicale minimamente invasiva è arrivata a rappresentare più del 70% di tutte le procedure eseguite nel 2009.
La prostatectomia radicale minimamente invasiva è associata a tassi più bassi di trasfusione, complicanze postoperatorie respiratorie o genito-urinarie, diagnosi di stenosi anastomotiche, e terapie antitumorali addizionali.
Questo indica che la prostatectomia radicale minimamente invasiva sia un trattamento di successo per il tumore alla prostata nei pazienti più anziani. ( Xagena )

Adejoro O et al, Urologic Oncology 2016; 34: 234.e1-234.e11

Xagena_OncoGeriatria_2016



Indietro