Natera Banner
Bayer Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Eventi avversi immuno-correlati e interruzione del trattamento nei pazienti di età superiore e inferiore a 75 anni con melanoma avanzato trattati con Nivolumab o Pembrolizumab


Gli anticorpi anti-PD-1 hanno dimostrato di migliorare la sopravvivenza globale ( OS ) nei pazienti con melanoma avanzato; tuttavia, mancano dati sulla sicurezza nei pazienti di età maggiore o uguale a 75 anni.
Anche il significato prognostico e i fattori di rischio per l'interruzione del trattamento con anticorpi anti-PD-1 a causa di eventi avversi immuno-correlati ( irAE ) sono incerti.

I pazienti con melanoma avanzato che hanno ricevuto un anticorpo monoclonale anti-PD-1 in prima linea al British Columbia Cancer al di fuori degli studi clinici tra il 10/2015 e il 10/2019 sono stati analizzati retrospettivamente.
L'incidenza e i sottotipi di eventi avversi irAE sono stati confrontati tra i sottogruppi di età inferiore a 75 e maggiore o uguale a 75 anni.

La regressione logistica invariabile ha identificato le variabili associate all'interruzione del trattamento entro 4 mesi dall'inizio degli anticorpi anti-PD-1.

Sono stati identificati 302 pazienti, di cui 126 ( 41.7% ) avevano età maggiore o uguale a 75 anni.

Durante tutto il follow-up, il 15.9% dei pazienti ha manifestato eventi avversi immuno-correlati di grado 3/4 e il 27.2% della coorte ha interrotto gli anticorpi anti-PD-1 a causa della tossicità immunitaria.

L'incidenza di eventi avversi irAE, l'ospedalizzazione e la necessità di steroidi entro il limite di 4 mesi sono stati simili tra i gruppi di età.
L'età avanzata non è risultata associata al rischio di interruzione del trattamento con anticorpi anti-PD-1 per gli eventi avversi irAE sulla regressione logistica.

Per l'intera coorte, i fattori pre-trattamento associati a una più breve sopravvivenza globale all'analisi multivariata sono stati ECOG performance status maggiore o uguale a 1, stadio M1d, lattato deidrogenasi superiore a 224, e rapporto neutrofili / linfociti maggiore o uguale a 5.

All'analisi multivariata di riferimento di 4 mesi, l'interruzione del trattamento dovuta a eventi avversi irAE è risultata significativamente associata a una peggiore sopravvivenza globale.

I pazienti di età maggiore o uguale a 75 anni hanno manifestato tassi di eventi avversi immuno-correlati e interruzione del trattamento simili per tossicità immunitaria rispetto ai pazienti più giovani.
Poiché l'interruzione del trattamento con anticorpi anti-PD-1 a causa di eventi avversi immuno-correlati è stata associata a una più breve sopravvivenza globale, sono giustificati gli sforzi per trattare precocemente le reazioni avverse immuno-correlate per evitare potenzialmente l'interruzione della terapia. ( Xagena )

Ksienski D et al, J Geriatr Oncol 2022; 13: 220-227

Xagena_OncoGeriatria_2022



Indietro
<-- OLD GA ANALITYCS $(function(){ //$('.notifier').addClass('open'); $('#js-reduce-link').on('click', function(e){ e.preventDefault(); $('.alert-banner').removeClass('alert-banner--large'); }); })