Natera Banner
Gilead Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

La valutazione geriatrica completa è un fattore prognostico indipendente nei pazienti anziani con tumore renale metastatico trattati con Sunitinib o Pazopanib di prima linea


Esistono scarsi dati sul ruolo prognostico della valutazione geriatrica completa ( Comprehensive Geriatric Assessment, CGA ) nei pazienti più anziani con carcinoma a cellule renali metastatico ( mRCC ) trattati con inibitori della tirosin chinasi ( TKI ) di prima linea.

Sono state esaminate retrospettivamente le cartelle cliniche dei pazienti con tumore mRCC di età superiore a 70 anni trattati presso un unico centro con Sunitinib ( Sutent ) o Pazopanib ( Votrient ) di prima linea per almeno 6 mesi.

Ogni paziente è stato sottoposto a CGA al basale ed è stato identificato come in buone condizioni, vulnerabile o fragile secondo i Criteri di Balducci.
È stato quindi valutato l'impatto della categoria CGA sulla sopravvivenza, il controllo della malattia e la tollerabilità degli inibitori tirosinchinasici.

Sono stati identificati 86 pazienti ammissibili. Età media: 74.5 anni, 56% maschi; il 45.4% era in buone condizioni, il 37.2% vulnerabile e il 17.4% fragile alla CGA.
Non ci sono state differenze significative nel tasso di tossicità di Grado ( G )1-2 e G3-4, tassi di riduzione della dose, sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e sopravvivenza globale ( OS ) tra Sunitinib e Pazopanib.

I pazienti in buone condizioni, vulnerabili e fragili hanno ottenuto una sopravvivenza senza progressione mediana ( 18.9 vs 11.2 vs 5.1 mesi; P minore di 0.001 ) e una sopravvivenza globale ( 35.5 vs 14.6 vs 10.9 mesi; P minore di 0.001 ) significativamente diverse.

I pazienti classificati come in buone condizioni hanno avuto maggiori possibilità di ricevere un trattamento di seconda linea ( 66.6% vs 28.9% tra i vulnerabili / fragili; P=0.002 ).

L'incidenza degli eventi G3-4 è risultata significativamente più bassa nel sottogruppo in buone condizioni ( 19% vs 45% tra i vulnerabili / fragili; P=0.0025 ).

In una esperienza retrospettiva in un centro singolo, la valutazione CGA potrebbe discriminare accuratamente i pazienti con un rischio maggiore di sperimentare tossicità G3-4, una più breve sopravvivenza libera da progressione, e minori possibilità di ricevere un trattamento di seconda linea.
La valutazione CGA ha avuto un forte impatto sulla sopravvivenza globale, indipendentemente dalla classificazione IMDC ( International mRCC Database Consortium ). ( Xagena )

Pierantoni F et al, J Geriatr Oncol 2021; 12: 290-297

Xagena_OncoGeriatria_2021



Indietro
<-- OLD GA ANALITYCS $(function(){ //$('.notifier').addClass('open'); $('#js-reduce-link').on('click', function(e){ e.preventDefault(); $('.alert-banner').removeClass('alert-banner--large'); }); })