Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
Tumore prostata

La vulnerabilità in base a VES-13 predice meglio la mortalità tra gli uomini anziani rispetto alla diagnosi di cancro alla prostata


Gli uomini anziani con una diagnosi di cancro alla prostata affrontano rischi competitivi di mortalità.
Poco si sa circa la prevalenza della vulnerabilità e i predittori di mortalità in questa popolazione rispetto agli uomini senza una diagnosi di tumore alla prostata.

È stata esaminata l'utilità predittiva di VES-13 ( Vulnerable Elders Survey ) per la mortalità negli uomini anziani con diagnosi di carcinoma alla prostata rispetto ai controlli.

Gli uomini di età uguale o superiore a 65 anni di una Clinica geriatrica hanno completato VES-13 tra il 2003 e il 2008.

Ogni paziente con diagnosi di tumore alla prostata è stato abbinato per età a 5 controlli, con conseguenti 59 pazienti con diagnosi di carcinoma alla prostata e 318 controlli.
È stata determinata l'associazione tra la diagnosi di tumore alla prostata e la vulnerabilità secondo VES-13, e la mortalità.

L'età media per gli uomini con diagnosi di carcinoma alla prostata e i controlli era, rispettivamente, di 77.9 anni e 76.1 anni.

Tra coloro che avevano una diagnosi di tumore alla prostata, il 74.6% non aveva alcuna malattia in fase attiva o solo un aumento del PSA ( antigene prostatico specifico ).

Indipendentemente dalla diagnosi di tumore alla prostata, gli individui vulnerabili secondo VES-13 avevano una più alta probabilità di morire durante il periodo di studio ( VES-13 uguale o maggiore di 3: HR=4.46, P minore di 0.01; VES-13 uguale o maggiore di 6: HR=3.77, P minore di 0.01 ).

Gli uomini con diagnosi di tumore alla prostata non hanno mostrato più probabilità di morire rispetto ai controlli di pari età ( VES-13 uguale o maggiore di 3: HR=1.14, P=0.59; VES-13 uguale o maggiore di 6: HR=1.06, P=0.83 ).

La vulnerabilità per gli uomini con una diagnosi di tumore alla prostata è risultata più predittiva di mortalità.
Pertanto, la valutazione della vulnerabilità è importante per stabilire gli obiettivi della cura. ( Xagena2016 )

Lowenstein LM et al, J Geriatric Oncology 2016; 7: 437-443

Xagena_OncoGeriatria_2016



Indietro