Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoDermatologia
Tumore prostata

Trattamento del carcinoma a cellule renali T1 per ottuagenari: analisi del National Cancer Database


Il trattamento del carcinoma a cellule renali si è evoluto, con attenzione alla conservazione dei nefroni per le piccole masse renali.
Sono state valutate le proporzioni dei tipi di trattamento per gli ottuagenari con carcinoma a cellule renali in stadio clinico 1.

Il National Cancer Database è stato analizzato dal 2004 al 2015.

I pazienti con stadio clinico 1, dimensioni del tumore minori o uguali a 7 cm ed età compresa tra 80 e 89 anni sono stati confrontati con un braccio di controllo di pazienti più giovani, di età minore o uguale a 70 anni.

La modalità di trattamento è stata classificata come nefrectomia radicale ( RN ), nefrectomia parziale ( PN ), terapia ablativa percutanea ( PAT ) e nessun trattamento ( NT ).

L'esito primario era l'utilizzo del trattamento nel tempo utilizzando la stima del cambiamento percentuale annuale ( EAPC ).
Gli esiti secondari includevano la regressione logistica per nuovo ricovero a 30 giorni dal trattamento e qualsiasi scelta definitiva di trattamento del tumore.

Sono stati identificati 18.903 ottuagenari e sono stati confrontati con un controllo rappresentato da 142.179 pazienti di età minore o uguale a 70 anni.
Complessivamente, il non-trattamento ( 36% ) era la modalità più comune per gli ottuagenari mentre la nefrectomia parziale ( 44.8% ) era più comune nel braccio di controllo.

Usando EAPC per gli ottuagenari, sono stati riscontrati aumenti per terapia ablativa percutanea ( 7.1% ), nefrectomia parziale ( 2.8% ) e non-trattamento ( 1.6% ) ma una diminuzione per nefrectomia radicale ( -4.6% ).

EAPC per la coorte più giovane ha mostrato aumenti per terapia ablativa percutanea ( 6.8% ), nefrectomia parziale ( 5.4% ) e non-trattamento ( 4.4% ) ma una diminuzione per nefrectomia radicale ( -5.5% ).

In conclusione, per gli ottuagenari con carcinoma a cellule renali allo stadio 1, vengono sempre più utilizzati trattamenti mini-invasivi, mentre la nefrectomia radicale sta diminuendo.
Rispetto a una coorte più giovane, una percentuale maggiore di ottuagenari non è stata sottoposta a trattamento. ( Xagena )

Miller C et al, Journal of Geriatric Oncology 2019; 10: 285-291

Xagena_OncoGeriatria_2019



Indietro